skip to Main Content

DISPOSITIVI MEDICI

Criolipolisi, Criodinamica Orfeo-CRIOMED 2
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26

La CRIOLIPOLISI  ( ORFEO-CRIOMED) è un trattamento di medicina estetica non invasivo, che consente la riduzione del grasso localizzato attraverso l’uso del freddo.
La metodica si attua attraverso un trattamento che permette di agire su regioni specifiche del corpo e prevede di controllare il processo di raffreddamento delle cellule adipose per innescare una lipolisi. L’innovazione ottenuta con la metodica Orfeo, sfruttando la sinergia  tra la Criodinamica, la Elettroterapia e l’Elettroporazione, ha permesso di minimizzare gli effetti collaterali della metodica originaria e aumentare nello stesso tempo il rendimento terapeutico.
Nei mesi successivi al trattamento, i frammenti adipocitari vengono eliminati naturalmente per via fisiologica e lo spessore dello strato adiposo si riduce.
La procedura non è dolorosa e permette di riprendere subito le attività quotidiane. La criolipolisi si basa, infatti, su un semplice principio termico, con il quale si ritiene che il grasso si riduce se “congelato“; sicuramente l’esposizione a basse temperature innesca la trasformazione degli “adipociti bianchi” in “adipociti bruni”.
In questo modo, le cellule adipose (adipociti) che si trovano nel tessuto sottocutaneo, essendo sensibili al raffreddamento, sono sottoposte ad un processo di cristallizzazione, a cui segue una lisi spontanea, lenta e graduale (apoptosi).
La morte cellulare degli adipociti “danneggiati” dallo shock termico provoca l’attivazione di meccanismi e/o processi infiammatori, con conseguente eliminazione del tessuto grasso apoptotico e la liberazione dei lipidi contenuti nelle cellule adipose con un processo progressivo; la metodica Orfeo / Criomed prevede trattamenti settimanali.

Vantaggi: è efficace senza presentare rischi, è utilizzabile in ogni distretto corporeo, anche su aree non plicabili e su superfici piane. Non ha limitazioni stagionali o disturbi post-trattamento. Non brucia, non provoca dolore e dà risultati progressivi e duraturi.

Distretti corporei: addome, cosce, tronco, braccia, glutei, fianchi, ginocchia, torace, schiena, viso.

Indicazioni in medicina estetica: riduzione adiposità diffuse e cellulite, trattamento lassità cutanee e tonificazione dei tessuti superficiali, miglioramento del microcircolo indotto dalla ginnastica vascolare, rassodamento muscolare, riduzione del doppio mento, miglioramento della tonicità cutanea, azione anti-age.

Indicazioni in fisioterapia e riabilitazione: trattamento antiinfiammatorio e antalgico, dolori muscolari e tendinei, riduzione degli edemi.

La CAVITAZIONE ( Hi Comby US ) in campo medico può essere impiegata, ad esempio, per la frantumazione di calcoli renali.
Tuttavia, attualmente la cavitazione viene sfruttata soprattutto dalla medicina estetica per eliminare adiposità localizzate e inestetismi cutanei, come la cellulite e la pelle a buccia d’arancia.
Le implosioni delle microbolle generano energia meccanica e pressioni molto elevate e localizzate, che causano la rottura delle membrane cellulari degli adipociti circostanti, con conseguente fuoriuscita dei grassi in essi contenuti.
I lipidi così fuoriusciti dagli adipociti distrutti vengono allontanati dall’area trattata attraverso il sintema linfatico, per poi essere processati dal fegato e in seguito eliminati, esattamente come avviene per i grassi assunti tramite l’alimentazione.

Indicazioni: lipodistrofia, adiposità localizzata, terapia di supporto alla metodica intradermica.

Microlipolisi,Cavitazione bassa frequenza copia
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26
Radiofrequenza OSTEO WARM
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26

L’azione terapeutica della RADIOFREQUENZA (Osteowarm 300) si basa sulla variazione del campo elettrico che, a sua volta, induce una corrente variabile nei tessuti coinvolti. Il CALORE ENDOGENO generato per «effetto Joule» all’interno dei substrati di interesse, sarà direttamente proporzionale all’impedenza incontrata. Questo permette di essere selettivi sul bersaglio ai vari livelli di profondità, lasciando il primo strato cutaneo ad una temperatura accettabile per limitare al massimo gli esiti. Il campo elettrico viene applicato con un manipolo che funge da «antenna» e un elettrodo neutro che chiude il circuito elettrico limitando la diffusione di radiazioni non volute sul soggetto sottoposto a trattamento.

Impedenza e «feedback»

L’impedenza del substrato biologico risulta una delle componenti che intercorrono alla «personalizzazione» del trattamento.

Detta Impedenza non solo varia da individuo a individuo e da distretto a distretto, ma anche e soprattutto durante il procedere della terapia. Quando il calore attraversa l’epidermide e raggiunge il derma, qui provoca la denaturazione termica delle proteine che formano il collagene con conseguente accorciamento delle fibre che lo compongono e stimolazione dell’attività dei fibroblasti. I fibroblasti così stimolati non solo producono nuovo collagene che andrà a sostituirsi a quello vecchio e danneggiato, ma producono anche nuove fibre elastiche e nuovi glicosamminoglicani. Se il calore generato dal passaggio delle cariche elettriche nella cute raggiunge anche il tessuto adiposo sottostante, si ottiene un effetto benefico sul microcircolo; il calore formatosi durante il trattamento di radiofrequenza raggiunge l’ipoderma, si assiste ad una riduzione della stasi microcircolatoria e alla riduzione dell’accumulo di liquidi a livello interstiziale (edema), determinando in questo modo un miglioramento della cellulite edematosa e fibrosa. Grazie a questo stesso meccanismo d’azione è possibile anche un effetto lipolitico.

La LUCE PULSATA (Energy light)ad alta intensità (IPL) è una tecnica di fotoepilazione che sfrutta le radiazioni luminose per indebolire i peli e determinarne la caduta.

Il principio su cui si basa è quello della fototermolisi selettiva. In pratica, la luce pulsata intensificata, emessa durante il trattamento, colpisce i bulbi piliferi, provocando il surriscaldamento del follicolo e dei vasi sanguigni che lo irrorano.
Affinché il processo sia selettivo verso i peli superflui e non colpisca gli altri tessuti, è necessario utilizzare una luce pulsata con lunghezze d’onda comprese nel campo 600-1200 nanometri. Quando la melanina contenuta nei bulbi assorbe le radiazioni, l’energia in esse contenuta viene trasferita al bulbo sotto forma di calore; ciò provoca il raggiungimento di temperature elevate, che provocano via via la degradazione del follicolo (termolisi).

Energy Light è un dispositivo che nel campo della medicina estetica può essere fornito con filtri in grado di selezionare diversi intervalli di emissione tra i 400 e 1200 nm

Indicazione di trattamento:

  • Epilazione
  • Tatuaggi
  • Macchie cutanee
  • Piccoli capillari
  • Rejuvenation
  • Terapia fotodinamica
  • Rughe
  • Smagliature
  • Cheloidi
  • Cicatrici ipertrofiche
  • Lesioni pigmentate
  • Lesioni ipo-pigmentate
Luce-pulsata-alta-intensità-Energy-Light-1024×670
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26
Dispositivo multifunzione Hicomby
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26

PIATTAFORMA CONFIGURABILE HI COMBY 300  :

Il concetto olistico di trattamenti finalizzati alla riduzione degli inestetismi esprime l’esigenza «dell’utilizzo» di stimoli energetici che, inducendo effetti sinergici, concorrano a conseguire i risultati attesi. Come per i farmaci, anche nella «somministrazione» di stimoli energetici bisogna esaminare l’eventualità di reazioni indesiderate. Queste dipendono da numerose variabili macroscopicamente correlazionabili alla eziopatogenesi dell’azione e, principalmente, della sua interazione con la «specificità» del paziente. Detta specificità concorre direttamente al rendimento terapeutico, per cui non va ricercata solamente la dose ottimale, ma soprattutto la «tipologia» della tecnologia di cui avvalersi. Se ne deduce che il protocollo terapeutico deve necessariamente essere rivolto ad aggredire selettivamente le varie componenti scatenanti e alla «compliance» del soggetto trattato.

L’operatore, dunque, deve poter disporre di più tecnologie con le quali «modulare» individualmente l’intervento. Il sistema Hi Comby rappresenta la soluzione ottimale a detta esigenza, implementando in un unico dispositivo:

1.Elettroporazione                                 2. Radiofrequenza

3. Elettrostimolazione                          4. Radiofrequenza frazionata

5. Microcorrenti                                     6. Foto-biostimolazione

7. Software per medicina estetica      8. Software per fisioterapia

 

RADIOFREQUENZA FRAZIONATA (effetto simil laser frazionato)

Consente un’azione di rivitalizzazione inducendo una serie di «micro-danni termici» che innescano reazioni rigenerative nei tessuti di sostegno.
Questo determina un rimodellamento delle fibre collagene con aumento della loro forza tensile e stimolazione della fase proliferativa in cui vengono prodotti nuovi fibroblasti.
Il processo coinvolge gli strati profondi lasciando inalterati quelli superficiali.

La rigenerazione trova indicazione per il trattamento di:

  • esiti cicatriziali post acne
  • micro rugosità
  • cicatrici post trauma
  • rughe
  • smagliature
  • discromie cutanee
  • pori dilatati
Radiofrequenza-Radiofrequenza-frazionata_-Hicomby-RF–1024×670
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26
Elettroporazione, veicolazione Hicomby EP
WhatsApp Image 2021-03-30 at 14.53.26

L’ELETTROPORAZIONE è un fenomeno indotto dall’applicazione su una superficie biologica di un particolare impulso elettrico, capace di generare canali acquosi nella membrana cellulare denominati «elettropori».
In base alle variabili elettriche dell’impulso elettrico (caratteristiche della forma d’onda), il potenziale di trans-membrana generato mantiene attivi i vasi acquei per un periodo variabile da pochi secondi a dieci/quindici minuti. Il fenomeno induce un importante aumento transitorio della permeabilità dei tessuti che favorisce l’assorbimento transcutaneo di principi attivi solubili in acqua. Hi Comby EP è equipaggiato con una pompa peristaltica che permette di dosare la quantità del prodotto dispensato, correlazionandola automaticamente ai parametri di trattamento.

La metodica consente:

  • un costante e graduale assorbimento transdermico di sostanze a rilascio controllato

La trasmissione dei principi attivi direttamente ed in profondità sull’obbiettivo prescelto consente

  • un uso di quantità ridotta di prodotto
  • una più alta concentrazione solo sui distretti interessati
  • un minor assorbimento sistemico con conseguente diminuzione di tossicità
  • una totale assenza di dolore o fastidio durante il trattamento
  • una totale assenza di esiti
  • la possibilità di protrarre nel tempo il trattamento degli inestetismi/patologie più gravi
Back To Top